Home > Press > Torna ai RisultatiCosì fan tutte, Bologna, 06/2014

Così fan tutte, Bologna, 06/2014

AMADEUS

Ottima Giuseppina Bridelli che, senza freni nel ruolo di Despina, vivacizza con naturalezza e spontaneità tutta la serata: la vocalità brillante e l'energia attoriale rendono la Bridelli un tassello fondamentale per costituire e tenere unita la squadra da palcoscenico. G.Caselli 

 

 

L'OPERA

..quanto la divertente e spiritosa Despina di Giuseppina Bridelli, elemento uscito dalla Scuola dell'Opera di Bologna e pronta al volo in ruoli di spicco. Il talento anche in questo caso è notevole  e con l'esperienza la si vedrà emergere sicuramente.. A.Merli

 

 

ILREFERENDUM.IT

 la divertente Despina di Giuseppina Bridelli, unica vera “attrice” della serata. M.Pinali

 

 

TRAVELEMILIAROMAGNA.IT

Un applauso particolare va a Giuseppina Bridelli che porta sul palcoscenico una brillante, dinamica e spumeggiante Despina, la servetta maliziosa e istigatrice. B.Belletti

 

 

OPERACLICK.COM

Tra le donne la più spigliata come attrice era il giovane mezzosoprano Giuseppina Bridelli, capace di sbalzare una Despina vivace, piena di vita, fresca, ironica. S.Capecchi

 

 

IL RESTO DEL CARLINO

La servetta Despina, realizzata in modo irresistibile da Giuseppina Bridelli, forse la più completa interprete di questo personaggio oggi disponibile. Ne fa tesoro la regia di Daniele Abbado, che la designa vera protagonista della scena. M.Beghelli

 

 

WWW.OPERAWORLD.ES

Effervescente la Despina di Giuseppina Bridelli. Riesce a dare un’ottima prova scenica e la vocalità brillante, unita ad ottima verve la rendono un personaggio chiave della serata.  M.Bertolini

 

 

WWW.ILCORRIEREMUSICALE.IT

Floridi di voce, intelligenti e autonomi sono invece Giuseppina Bridelli e Nicola Ulivieri.. F.Lora

 

 

WWW.RADIOCITTA'FUJIKO.IT

La prima bolognese porta in scena una strepitosa Despina, Giuseppina Bridelli, che oltre ad essere un ottimo mezzosoprano brilla per capacità attoriali. Quando è sul palco tutto comincia a muoversi insieme a lei facendo dimenticare la staticità dell'allestimento. F.Clementoni

 


articolo.pdf Stampa la Pagina Salva la Pagina in PDF